Celiachia: un problema antico...

Rispondi

Avatar utente
Publius Metilius
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 50
Iscritto il: 25/07/2018, 18:16
Località: Roma

Re: Celiachia: un problema antico...

Messaggio da Publius Metilius » 10/07/2019, 12:32

Molto interessante l'articolo sul "Messaggero", Tig, particolarmente per me, che sono padre di tre figli intolleranti al glutine e che qualcosa sull'argomento so. Che la celiachia non sia un problema relativo all'età contemporanea è assodato ormai da un bel po', e la tendenza degli studi (se ne sa infinitamente di più rispetto a trenta anni fa, quando la patologia era ancora difficile da diagnosticare per molti pediatri, ma ancora non tutto-tutto) è appunto quella di collocare il suo inizio - come si dice nell'articolo - nel momento in cui l'uomo da cacciatore-raccoglitore nomade divenne coltivatore e stanziale, quindi con la "scoperta" dell'agricoltura (fra 15.000 - tesi rialzista - e 10.000 - tesi ribassista - anni fa) e l'immissione nella propria dieta di quantità di cereali a go-go. Sembra che non tutti i ceppi etnici umani abbiano reagito allo stesso modo, e che molti organismi abbiano rifiutato l'assimilazione dei componenti delle nuove sostanze nutritive,fra cui il glutine appunto, sviluppando allergia o intolleranza ad alcuni dei cereali, in primis l'imperante frumento. Se sei strettamente celiaco - e quindi allergico - la situazione può essere pericolosa velocemente e da subito, ma anche l'intolleranza non scherza: è più subdola, lenta e silenziosa, ma apporta problematiche anch'essa da subito (osteoporosi e sviluppo fisico rallentato, come appunto avvenne per la ventenne descritta nell'articolo, ma anche stanchezza, ombrosità caratteriale, gonfiore del ventre, ecc.) e, se non si corre ai ripari, enormi problemi a media-lunga distanza. Alcune piccole segnalazioni relative all'articolo: 1) all'inizio si dice che lo scheletro della ragazza presenta segni di denutrizione: no, non è denutrizione, è malassorbimento delle sostanze contenute nei cereali, cosa che correttamente viene detto nel corso dell'articolo stesso; 2) i cereali ovviamente non costituivano l'alimentazione dei ricchi di allora, come viene detto, ma la dieta-base di tutti; 3) nonostante le conseguenze su vari aspetti della vita della ragazza, c'è da notare la perfetta dentatura che aveva, sintomo di assenza di eccessivi zuccheri nella propria dieta, contrariamente ad oggi; 4) il "Caso di Cosa" nun se po' sentì :lol:

Rispondi